NETWORK

Decluttering: come procedere per far ordine in casa e sentirti meglio

Si chiama decluttering e sembra sia anche terapeutico! Parliamo di un’operazione che si basa sulla  necessità -ma anche su una gran sana abitudine- di eliminare in modo periodico tutto ciò che è ormai inutilizzabile in casa o che comunque non utilizziamo più da molto tempo. I vantaggi di svolgere questa operazione, almeno un paio di volte all’anno, sono notevoli: si guadagna spazio in casa, si vive nell’ordine e nella praticità, risparmiando tempo prezioso a tutto vantaggio del ménage domestico. Questa potrebbe essere anche l’occasione perfetta per potersi rivolgere ad un’impresa specializzata in pulizie professionali come Yougenio e magari farsi rimettere in sesto anche il giardino.

Il decluttering ti aiuta a far pulizie in casa e nella tua vita

L’ordine ha un potere che potremmo definire sicuramente terapeutico, addirittura quasi magico! Innanzitutto mettere tutto a posto, riempire sacchi interi di roba inutile, fare spazio e pulire a fondo sono attività in grado di regalare profondo benessere e un gran senso di soddisfazione. Ma affinché tale metodo si riveli efficace e benefico per l’equilibrio psico-fisico è necessario che la roba scartata esca definitivamente dalla tua casa: vietato dunque farla finire in soffitta o in garage!

Ecco le regole da seguire per un perfetto decluttering, da programmare ad esempio in primavera e in autunno, per eliminare tutto il superfluo accumulato, rispettivamente durante l’inverno e l’estate.

In primo luogo, ricorda che il decluttering è un’attività che punta ad eliminare lo stress e la confusione, attraverso il recupero dell’essenzialità e dell’ordine. Vietato quindi immergersi in un tour de force di giorni e giorni per sbrigarsi il prima possibile. È importante invece dedicare a questo genere di faccende solo mezz’ora al giorno o al massimo qualche ora nel fine settimana.

Il consiglio è di cominciare con ordine, programmando una stanza alla volta. Armadi, credenze e cristalliere, librerie, scaffali…ovviamente non tutto è da buttare! Se ti rendi conto che non utilizzi più un oggetto (o un capo d’abbigliamento) da più di un anno ma che è ancora in buono stato, puoi pensare di rivenderlo nei mercatini dell’usato, soprattutto online. In ogni caso la spazzatura dovrebbe essere l’ultima destinazione sulla quale puntare: puoi sempre donare i libri ad una scuola o ad una biblioteca e gli abiti smessi alla parrocchia del tuo quartiere.

Una volta liberate tutte le stanze dal caos e dal superfluo, passa all’esplorazione di soffitta, cantina e garage: rimarrai di stucco nel ritrovare roba che non sapevi neppure più di avere! Dopo aver sgomberato tutti gli ambienti, sarà il momento di passare alle pulizie. In alcuni casi, come ad esempio per il garage, potrebbe essere necessario rivolgersi a qualche servizio specializzato della tua città, come quelli di disinfestazione a Milano di Yougenio, nel caso sfortunato in cui dovessi trovare blatte, formiche o topi all’interno dei locali.

Terminata la ricognizione in tutta la casa, se hai qualche dubbio o tentennamento sul da farsi, indugia ancora un po’: raccogli il tutto in grandi scatoloni e tienili da parte per qualche settimana.  Se ti rendi conto però di averli completamente dimenticati e mai aperti, allora la decisione è definitiva: vanno eliminati. Buon decluttering!

Be the first to comment on "Decluttering: come procedere per far ordine in casa e sentirti meglio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*